Ugo Andreis

Posso dire di essere uno dei suoi più rari amici, anche perché l’amicizia, con uno come lui, è una faccenda impegnativa.

Non è facile parlare di un personaggio così ingombrante, a volte travolgente, ombroso, generoso con tutti oltre ogni immaginazione, e altre volte, direi spesso, esigente e selettivo.

Ugo Andreis nasce a Rivoltella sul Garda nell’immediato dopoguerra il 7 ottobre 1946, vive la sua gioventù tra il paese, il lago, il porto, una vita di amori e sogni irrealizzabili, ricercando la compagnia di gente vera che difficilmente mentiva perché non aveva tempo di pensare alla costruzione di bugie.

Imprevedibile, mai uguale e questo è un suo difetto, ma è ferrea la sua coerenza nell’affidarti l’amicizia, la fiducia, il suo amore se osservi le poche semplici regole: “Non mentire, mi dice spesso, sii sempre implacabilmente sincero, dimmi sempre la verità per spietata e dolorosa che sia”.

Fu un insegnante di Lettere alla Scuola Media: il professore Melis a incoraggiarlo a scrivere e… da allora ha continuato sanguigno e passionale, non ha mai voluto pubblicare un suo scritto.

Questo è Ugo Andreis io non so dire altro, solo è così difficile essere suo amico, ma non c’é niente di più stimolante.

Giorgio (uno dei suoi pochi amici).

Post precedente
Prossimo Post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 + 5 =